domenica 7 ottobre 2012

ENGADINA NUTCAKE

ENGADINA NUTCAKE

Eccomi qui, alle 23.53 di Sabato sera a preparare la "Engadina Nutcake"!
Il merito va a lei: Benedetta Marchi, la santa donna che ha curato la grafica del mio blog ( e non è ancora finita qui! ) e la creatrice di questo spettacolo!!!



Leggendo e lustrandomi la vista con le foto meravigliose del suo blog e dei suoi piatti, sono incappata in questo contest che mi ha stimolato da subito e così ecco qui la mia versione di questa delizia; vi lascio la ricetta che ho così personalizzato cercando di renderla meno grassa e meno dolce!

Per l' impasto:

200 g di burro, 120 g di zucchero di canna, 1 uovo bio, succo di mezzo limone biologico, 1 presa di sale, 1 bustina di vanillina, 280 g di farina di farro biologica.

Formare l' impasto con il burro, zucchero, sale, succo di limone e vaniglia fino ad ottenere un composto omogeneo. Aggiungere l' uovo e continuare a impastare.
Quindi aggiungere la farina di farro fino ad ottenere un impasto liscio e uniforme; avvolgerlo in una pellicola e farlo raffreddare in frigo per circa 30 minuti.

Per il ripieno:

60 g di miele millefiori biologico, 200 g di zucchero di canna, 200 g di panna fresca, 100 g di ricotta, 350 g di noci tritate.

Mescolare zucchero e miele e caramellare la massa su fuoco basso. Deglassare la massa caramellata con la panna e far cuocere per qualche minuto il tutto fino a quando i grumi di zucchero sono scomparsi. Quindi aggiungere le noci tritate ( io non le ho tritate tutte lasciandone qualcuna intera) e cuocere per altri 5 minuti. Successivamente lasciare raffreddare il tutto a temperatura ambiente ed incorporarvi la ricotta.


Stendere ora l' impasto ad uno spessore di 4 mm e metterlo sul fondo di una teglia a cerniera imburrata. Modellare poi un bordo di 3 cm di altezza e mettere nel freezer per circa un' ora. Prendere ora il guscio di frolla e riempirlo con il ripieno preparato fino quasi al bordo superiore. Stendere la rimanente pasta dello stesso spessore della precedente e adagiarla come un coperchio superiore.
Premere la pasta un po' sui bordi in modo che tutto sia sigillato insieme. Fare dei fori nell' impasto superiore, con una forchetta e cuocere in forno caldo per 35 minuti a 180 gradi.

Rispetto alla versione originale ho modificato l' utilizzo dello zucchero ( ed un po' diminuito la quantità per il ripieno ) , privilegiando quello grezzo di canna, la farina preferendo quella di farro che ben si presta a sostituire quella raffinata 00 e poi ho sostituito parte della panna con la ricotta! Inoltre non ho tritato tutte le noci lasciandone qualcuna intera.

Spero che la mia versione vi piaccia perchè dal mio forno esce un profumino che ben promette!!

Chissà che con la mia ricetta io non vinca il contest di Benedetta e che l' hotel in questione  non proponga ai suoi clienti la mia versione!! Solo a pensarci un brivido mi percorre la schiena!!!

Voi avete mai assaggiato questa torta?!










2 commenti:

  1. Io adoro la torta Engadinese, ipercalorica e buonissima!! Grazie mille per la ricetta..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te! Io invece non la conoscevo ma è già entrata nell' elenco delle mie preferite e mi ripeterò presto!!

      Elimina

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...